Auction 9 Antiquities and 19th Century Paintings
Jul 7, 2020 (your local time)
Italy
 Mura dello Zerbino , 10R - 16122 Genova

Prima Sessione - 2020-07-07 15:00:00- dal lotto 1 al lotto 199

Seconda Sessione - 2020-07-07 17:30:00- dal lotto 200 al lotto 337


The auction has ended

LOT 0028:

CASTELLO VALERIO

VALERIO CASTELLO (1624-1659)
'Madonna con ...

Sold for: €1,600
Start price:
500
Estimated price:
€500 - €550
Auction house commission: 24% More details
tags:

VALERIO CASTELLO (1624-1659)
'Madonna con Bambino e San Giovannino' disegno su carta
cm. 14 5x11 3
Il disegno è stato tracciato di getto alla prima tramite la penna con un inchiostro metallo-gallico individuato dalle analisi a infrarossi (IR) e dall'infrarosso in falso colore (IR-FC) senza l'utilizzo di un medium secco. Queste analisi hanno infatti restituito un'immagine agli IR in cui il disegno è quasi completamente trasparente mentre l'IR-FC presenta un segno molto leggero di tonalità rosso-arancione tipica dell'inchiostro metallo-gallico. L'opera prende spunto da una consolidata iconografia nella produzione di Valerio e che in questo caso particolare propone lo sviluppo in due diagonali la prima dell'intimo colloquio tra la Madonna e San Giovannino la seconda tra il Bambino la Madonna e il Putto che emerge in secondo piano del fondo della rappresentazione. Questo tipo di costruzione potrebbe derivare o essere un appunto grafico per lo sviluppo successivo dell'opera Sacra Famiglia con San Giovannino (olio su tela collezione privata) e databile alla metà degli anni'50 del 600. Il tratto grafico nervoso e serpenteggiante ripassato più volte a definire la forma crea un ritmo dianamico che attraversando tutta la composizione in diagonale consente e accelera il movimento del bambino che si 'arrampica' sulla madre di cui un esempio della produzione tarda la troviamo ne La Carità Ravenna sede Eridania che viene però temperato dell'intimo colloquio della Madonna con San Giovannino.
Questo tipo di disegno libero e fluido presente in altre opere di sua mano rispecchia il modus operandi di alcune produzioni di Valerio dopo la seconda metà degli anni'40 dove l'improvvisazione del segno grafico permette un gran numero di variazioni sull'iconografia di un medesimo soggetto. Il tratto abbozzato non definito ma chiaro nell'esprimere le emozioni e il movimento è creato da linee che si sormontano e che con piccoli tratti definiscono le forme cone avviene per i riccioli di San Giovannino e del Bambino e le mani dei tre soggetti. I visi gli occhi esprimono dolcezza e la comunicazione tipica di Valerio che con tocco delicato e leggero da vita a forme appena suggerite. La posizione degli occhi e la forma del volto sono costruiti da archi che ne tracciano l'esatta collocazione.
Il piccolo disegno probabilmente è da riferire alla produzione del nostro pittore dopo il 1645 cioè dopo il viaggio a Parma vista la posizione e la torsione del collo della Madonna e la metà degli anni'50 del 500.
Genova 24 Marzo 2020 Dottoressa Michela Fasce